Coppa Italia: Napoli batte Fiorentina 3-1

Il Napoli batte la Fiorentina per 3-1 e si aggiudica la 5^ Coppa Italia della sua storia, grazie alla doppietta di Insigne e il gol nel finale di Mertens. Inutile il gol di Vargas per i viola.

Eppure, le premesse per rinviare la partita c’erano tutte. I gravi fatti del pomeriggio intorno alla zona dello Stadio Olimpico con scontri fra le opposte tifoserie e il ferimento grave di un tifoso napoletano per un colpo di pistola ancora da chiarire, aveva generato uno stato di tensione nel pre gara che aveva messo in dubbio il regolare svolgimento del match.

Alla fine, però, si decide di disputare la partita. L’inizio è tutto di marca napoletana. Il forcing degli uomini di Benitez, manda in confusione una Fiorentina probabilmente spiazzata da quanto successo prima del fischio d’inizio. Protagonista assoluto Lorenzo Insigne. Al 5′, l’attaccante esterno scalda i guantoni di Neto con un tiro dalla sinistra, mentre al 10′, sfruttando un contropiede diretto da Marek Hamsik, mette a segno il primo gol della serata con un tiro a giro che prima tocca il palo e poi finisce in rete. Il Napoli non si ferma, e al 16′ Higuain, sfruttando un pessimo retropassaggio di Vargas, intercetta il pallone, dribla Savic e lo mette in area. I difensori viola, colti in controtempo, non intercettano la palla, che finisce ancora sui piedi di Insigne. L’attaccante napoletano tira e batte Neto anche grazie alla deviazione di Tomovic. La Fiorentina sembra completamente allo sbando, ma al 27′ succede l’inaspettato. Vargas, innescato da Ilicic, si ritrova a tu per tu con Reina, complice anche una difesa che sbaglia il fuorigioco. Con un potente mancino, il peruviano accorcia le distanze e porta la partita sul 2-1. A quel punto la squadra di Montella riprende le redini del gioco, e al 44′ raggiunge anche il pareggio, ma il gol di Aquilani è giustamente annullato per fuorigioco.

Nel secondo tempo, la partita diventa più tattica e complice anche la stanchezza, le occasioni sono poche. E’ la Fiorentina a provarci con più insistenza attraverso i tiri da fuori, anche se l’occasione più ghiotta è del Napoli. Al 73′ sugli sviluppi di un contropiede, la palla finisce sui piedi di Goran Pandev, da poco subentrato ad Higuain, che a tu per tu con Neto si lascia ipnotizzare fallendo il match point. Al 78′, poi, Inler si fa espellere per somma di gialli. La Fiorentina a quel punto, tenta il tutto per tutto, e all’84’ ha l’occasione più nitida per pareggiare. Ilicic, lasciato libero in area, tenta infatti di battere Reina con un sinistro a giro. La palla, però, lambisce solo il palo alla destra del portiere e termina sul fondo. Completamente sbilanciati, i viola prestano il fianco ai contropiede del Napoli che, al 91′, chiude il match con Mertens (subentrato ad Hamsik al 63′).

Al termine della partita c’è anche il tempo per un’invasione di campo dei tifosi napoletani che tentano di arrivare addirittura nel settore occupato dai tifosi viola. Fortunatamente gli steward e le forze dell’ordine riescono a calmare la situazione, evitando che una serata iniziata male, possa finire anche peggio.