Juventus, Teves confessa: Grazie alla Juve non ho lasciato il calcio

Carlitos Tevez, nuovo attaccante della Juventus, ha confessato in un’intervista di come il club torinese lo abbia spinto a non abbandonare il calcio giocato.

L’Apache ha infatti raccontato dei suoi 6 anni in Inghilterra, e sopratutto, del momento più difficile, al City, dopo una litigata con Roberto Mancini: “Ho sempre detto che mi sarei ritirato a 28 anni, e ci sono andato molto vicino dopo il litigio con Roberto. Ma devo dire che mi sentivo anche molto stanco. Ho passato sei anni in Inghilterra e nessuno avrebbe scommesso un centesimo sul fatto che avrei resistito così a lungo. Ho vinto la Champions e la Premier con lo United -prosegue- la FA Cup con il City, che non aveva vinto nulla per molto tempo, ho vinto tutto. Però arriva un momento in cui sei stanco, in cui il calcio ti ha stufato. Volevo lasciare tutto, ma poi è arrivata la Juventus. Uno dei più grandi club d’Europa”. Tevez ha poi parlato della Nazionale, abbandonata due anni fa dopo l’arrivo del CT Alejandro Sabello: “E’ finita, la nazionale per me ormai fa parte del passato. Ho dato il mio addio e non ho più nulla da aggiungere. A suo tempo ho spiegato come mi sentivo ed è tutto qui. Non mi va più di parlarne, altrimenti sembra che stia chiedendo di tornare”.

Lascia un commento